Non sempre il viral è cieco.

Spesso sono molto critico nei confronti di operazioni virali o pseudo tali. Ecco qua, invece, un’ottima iniziativa con gli ingredienti giusti: un prodotto cool (videogioco sportivo), protagonisti che fanno parlare di sé (calciatori famosi), tanta autoironia e un finale a sorpresa. Buona visione. Il viral, sopratutto quando bara e lo fa in modo ironico, vibra un sacco.

Applicazione Virale

Ogni giorno ci sono innumerevoli nuove applicazioni disponibili per l’iPhone. Soprattutto per quelle con finalità commerciali è, quindi, sempre più difficile emergere e diventare davvero virali. L’agenzia di questa società assicurativa olandese, dal nome inpronunciabile, ha superato il problema creando un giochino di per sé abbastanza semplice, ma che diventa veramente innovativo se condiviso con gli amici. Le applicazioni per … Continua a leggere

Ricomincio da tre

La Umbro produce questo video partendo da una semplice considerazione: cosa attira di più il mio target? Facile: calcio, rock e videogames (ok ce ne sarebbe una quarta, ma la pubblicità ne ha già abusato fino alla noia). Ora bisogna solo trovare il modo di combinarli insieme. Creatività geniali basate su idee semplici: ecco il segreto di operazioni che vibrano.

Youtube vs TV

Youtube e gli altri siti di video rappresentano un media importante tanto quanto la televisione. Gli artisti e i professionisti del mondo dello spettacolo più vibranti vedono l’apparizione televisiva come il primo step per autopromuoversi, affidando poi alla rete il compito di raggiungere il vero target. Emblematico il caso dei Muse a Quelli che il Calcio (ma anche quelli di … Continua a leggere

Video virali: una regola di base.

Affinché un video possa essere definito virale deve possedere due caratteristiche: 1) essere davvero “infettivo” e quindi generare l’impulso a chi lo vede di condividerlo con altre persone; 2) veicolare in modo corretto i valori del brand o del prodotto che deve promuovere. Analizzando quanto si trova in rete e viene chiamato virale, non più del 2.3% possiede le caratteristiche … Continua a leggere