The Vortex a colloquio con Matteo Balzani, un italiano (di successo) in trasferta.

Ciao Matteo, ormai sei lontano dall’Italia da qualche anno giusto? Sì, mi sono trasferito in Olanda 4 anni fa per occupare il ruolo di eCommerce Marketing & CRM Director per Nike in Europa.  Matteo ha 36  anni è diventato papà di Alessandro 3 mesi fa e, prima di spostarsi all’estero, ha lavorato per CHL e Zanox Italia. Matteo, puoi dirci … Continua a leggere

Apple sorpassa Google per valore del brand

Apple, grazie ai suoi iPhone, iPad e iMac, sorpassa il gigante della search Google e diventa il brand di maggior valore al mondo, come ha dichiarato WPP nel suo report BrandZ Top 100 Most Valuable Global Brands. Il valore del brand è salito dell’84% nell’ultimo anno, fino a raggiungere la ragguardevole cifra di 153,3 miliardi di dollari; Google, invece, ha … Continua a leggere

Domani The Vortex all’E-commerce Forum

Domani si terrà a Palazzo Mezzanotte a Milano il consueto E-commerce Forum, il tradizionale avvenimento che racconta il commercio elettronico italiano e fa incontrare gli operatori del settore con le aziende. The Vortex sarà presente con la moderazione della tavola rotonda che si terrà il pomeriggio nella sala rossa, un workshop che parlerà di brand, crm e analisi semantica… tre … Continua a leggere

La digital reputation non riguarda solo le aziende.

In questi giorni sta spopolando il virale “Mission: Facebook“. Come spesso succede in questi casi, il segreto del successo sta nella rappresentazione iperbolica della realtà. Qui emerge come il proprio profilo Facebook sia centrale per la digital reputation di ognuno di noi e come questa influisca in modo tangibile anche sulla vita reale. I video virali che prendono in giro … Continua a leggere

TV & mobile: e se il futuro della TV generalista fosse social?

Con 2 utenti americani su 3 che usano l’iPad mentre guardano la TV e con la continua diffusione di smartphone ed apps, dobbiamo chiederci se il futuro della TV generalista – capace di coinvolgere una audience importante di fronte a veri e propri “eventi televisivi”, non sia quello di sfruttarne le potenzialità in chiave social.           … Continua a leggere

Perché lo smartphone deve essere l’unica cosa smart che abbiamo in tasca?

Quasi sempre le idee geniali nascono da un pensiero semplice. Cosa impedisce che la realtà aumentata sia applicata anche ad oggetti diversi dal telefono? Partendo da questa intuizione tre designer hanno sviluppato il concept DisplayCabinet, un prototipo che combina connettività wireless, sensori miniaturizzati, proiettori di luce invisibili e oggetti di uso comune. Sembra fantascienza, ma non lo è. Così le … Continua a leggere

Netflix supera il peer-to-peer negli Stati Uniti e rende più maturo il mercato

Secondo quanto si legge in una statistica americana, mentre nel corso del 2010 il servizio di movie rental in streaming Netflix (nella foto il suo CEO Reed Hastings) ha raddoppiato i sottoscrittori, è addirittura decresciuto il numero di utenti di piattaforme gratuite peer-to-peer come BitTorrent.                         Stiamo assistendo ad … Continua a leggere

Un deputato americano si ispira a Bob Dylan. E YouTube fa il resto.

Il rappresentante dello stato di New York al Congresso, Joseph Crowley, ha tenuto il 14 aprile un discorso di un minuto contro la politica del lavoro del Partito Repubblicano. Un discorso in cui, richiamando un famoso video di Bob Dylan, non dice neanche una parola, ma si esprime con dei cartelli. Idea non nuova, ma utilizzato in modo che si adatta … Continua a leggere

Un blogger la persona più influente al mondo. E il digital domina l’intera classifica.

La rivista Time tiene una classifica delle 100 persone più influenti nel mondo, in cima alla quale, in questo momento, c’è Wael Ghonim, manager di Google e blogger egiziano, protagonista della rivoluzione che ha portato alla caduta di Mubarak. Ghonim è stato la mente dell’utilizzo dei social media come strumento di mobilitazione e aggregazione politica. Ma non finisce qui. Ben … Continua a leggere

Se un articolo mai stampato vince il premio Pulitzer.

Propublica una struttura giornalistica no-profit e indipendente guidata da Paul Steiger, ex managing editor del Wall Street Journal, ha vinto per il secondo anno consecutivo il premio Pulitzer. Mentre nel 2010 il premio era arrivato grazie ad un articolo pubblicato dal New York Times, quest’anno il riconoscimento è stato vinto con una serie di approfondimenti sulla corruzione nel mondo finanziario, … Continua a leggere