Il peggior lavoro del mondo.

L’adagio che il calzolaio ha le scarpe rotte è un grande classico. Ma le agenzie di pubblicità spesso eccellono nel non applicare su stesse quello che predicano ai clienti. Ed è un fiorire di siti non aggiornati, brochure anonime, nomi insulsi e immagini scoordinate.

Ecco invece un esempio positivo. Una campagna di recuitment ironica, virale e perfetta per il target.


La comunicazione delle agenzia di pubblicità vibra poco. Ma le belle eccezioni esistono sempre.

Il peggior lavoro del mondo.ultima modifica: 2010-05-19T23:46:00+02:00da dr_no
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento